Gianni: “Fedeli vuole sentire il calore dei tifosi”

C’è stupore in casa Samb per questa improvvisa ed inaspettata crisi della prima squadra che nelle ultime quattro giornate ha raccolto appena due punti, ed il direttore generale Andrea Gianni durante la trasmissione “Pianeta Samb” sottolinea come vi sia bisogno di una reazione: “Credo che la cosa più brutta sia stata la mancanza di mordente che secondo me è stato il problema principale. Ci aspettiamo, anzi siamo certi, che già domenica prossima ci sarà una reazione. Inoltre mi pare evidente che sia un periodo di stanchezza della squadra ma dobbiamo reagire e raggiungere i play-off perchè io sarò pazzo ma ho una mia idea personale su questi spareggi”.

Poi un rimprovero anche alle scelte del tecnico
“Siamo adulti e vaccinati per cui ognuno si prende le proprie responsabilità e svolge i propri compiti. Io sono sono un allenatore ma credo che in questo momento la Samb non possa fare a meno delle verticalizzazioni di Bacinovic, perchè è l’unico in grado di lanciare i nostri attaccanti. Inoltre credo sia importante anche il lavoro di Sorrentino perchè quando gioca lui si aprono più spazi per Mancuso”.

Un tifoso chiede come mai Fedeli spesso minaccia di non rimanere a San Benedetto.
“Io non penso che il presidente lascerà San Benedetto ma credo che dietro alle sue parole ci sia innanzitutto il bisogno di sentire la vicinanza dei tifosi, il calore della piazza. E’ un imprenditore che ha bisogno sempre di stimoli e magari sentire che si mugugna non lo entusiasma”.

La crisi di risultati ha bloccato le questioni rinnovi.
“Ci siamo fermati, aspettiamo che la squadra concluda il campionato poi faremo le nostre valutazioni. Adesso la priorità è finire al meglio la stagione”.

 

Commenti

comments