Gianni: “Iscrizione ok e con Bacinovic abbiamo fatto un gran colpo”

Il direttore generale Andrea Gianni

Sono giorni di grande lavoro in Viale dello Sport. Iscrizione al campionato, organizzazione del ritiro della prima squadra ed ovviamente il calciomercato, tutti argomenti che abbiamo affrontato con il direttore generale rossoblù Andrea Gianni che ha sfruttato questi giorni anche per trovare l’accordo con il Grottammare per i campi d’allenamento.

“Stiamo completando tutto l’iter per l’iscrizione della squadra al prossimo campionato, abbiamo provveduto ad inoltrare tutta la documentazione richiesta via mail ed in settimana andremo a Firenze per consegnare il resto. Ci sono stati alcuni problemi con le licenze di esercizio per le manifestazioni di pubblico spettacolo ma il sindaco Piunti è stato tempestivo nell’aiutarci e lo ringrazio. La Samb grazie alla famiglia Fedeli dimostra di essere una società solida in grado di presentare senza problemi la fideiussione e tutti gli assegni richiesti dalla Lega”. 

Tra 20 giorni la prima squadra sarà in ritiro, sarà una rosa completa o attenderete agosto per fare dei colpi?
“Il nostro organico ha già un’ossatura importante con cui inizieremo il ritiro. Poi ovviamente sapete meglio di me che il mercato è lungo e a volte ci sono i momenti giusti per accaparrarsi i giocatori giusti, l’importante è sapere che ora c’è un’ottima base”.

Cosa dovrà avere la nuova Samb per fare meglio dello scorso anno?
“Direi che ci serve un pizzico di esperienza in più in alcuni reparti. Scegliere con oculatezza le giuste pedine. Il mercato estivo è importante perchè hai molto più tempo e calciatori liberi per trovare atleti funzionali al progetto. Nell’ultimo mercato invernale siamo stati costretti a prendere giocatori che si adattassero in ruoli a loro non propriamente congeniali”.

Ci possiamo attendere colpi importanti?
“Il vero colpo c’è già stato ed è quello di aver praticamente convinto Bacinovic a rimanere qui. E’ un giocatore notevole per la categoria che aveva diverse richieste e sarà fondamentale per la Samb. Ovviamente poi il mercato non finisce qui”.

Terzo anno alla Samb e secondo da direttore generale, è dura fare calcio qui?
“E’ un compito stimolante, sicuramente difficile ma anche meraviglioso perchè si tratta di una piazza incredibile e non capita spesso di poter lavorare in un posto simile”.

 

Commenti

comments