Lulli, la Samb nel cuore e una promessa: “Se segno non esulto”

Luca Lulli esulta sotto la curva

Una stagione da protagonista con la maglia della Samb e un mancato rinnovo da parte della società che ha fatto storcere il naso alla piazza, ancora legata ad un calciatore che per la causa rossoblù ha dato tutto.

Parliamo di Luca Lulli, uno dei migliori nella storica impresa di ieri del Pordenone in Tim Cup e prossimo avversario proprio della Samb in campionato. Raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione, il forte centrocampista ex Catania ha toccato argomenti molto interessanti.

“C’è grande gioia per la vittoria di ieri a Cagliari e per aver coronato il sogno di sfidare l’Inter a San Siro, ma ora bisogna pensare al campionato, perché la partita di sabato per noi è troppo importante. Se dovessi segnare contro la Samb non esulterei, per rispetto della gente e perché io a San Benedetto ci vivo, trovandomi benissimo. Poi sotto quella curva ho segnato il primo gol della mia carriera, contro il Parma. Quello è il ricordo più bello della mia esperienza in rossoblù, in un giorno in cui lo stadio era una bolgia impressionante. Non dimenticherò mai quei momenti fantastici”.

Lulli spiega anche i motivi del mancato rinnovo, facendo capire di portare sempre la Samb nel cuore.

“Il DS Federico voleva rinnovare me e Mancuso già a novembre, ma poi tutti sanno cosa è successo tra lui e la società. Fedeli ha preferito temporeggiare, ma anche a fine stagione non mi hanno chiamato. Tornare alla Samb un giorno? Non lo escludo, perché dire no alla piazza di San Benedetto è impossibile. Ora però sono del Pordenone e penso solo a fare bene qui, darò tutto per questa maglia”.

Commenti

comments

x