Moriero a testa alta: “Capisco i tifosi, ma stiano tranquilli. C’è gente che piange per la Samb, lavoro 24 ore al giorno per il bene del club”

Rabbia, orgoglio e la convinzione di dare sempre tutto, ogni giorno. Francesco Moriero gonfia il petto nella conferenza stampa alla vigilia di Samb-Sudtirol:

Anche io sono stato tifoso, sono stato dall’altra parte e capisco che il primo responsabile da individuare è l’allenatore quando le cose non vanno bene. Però bisogna anche vedere come si perde e capire che a Vicenza li abbiamo messi sotto per tutto il primo tempo, prima di subire un rigore inesistente viziato da un fuorigioco precedente. I cambi? Li ho fatti perché i nostri centrocampisti non ne avevano più.

Quello che posso fare è chiedere ai tifosi di stare tranquilli perchè questa squadra lotta sempre, ogni giorno. C’è gente che piangeva a Vicenza dopo la sconfitta e questo mi fa capire di avere a disposizione gente che vive per l’attaccamento a piazza e ambiente. Non penso che io e il mio staff abbiamo mai umiliato chi ci segue ogni domenica con amore e passione. Lavoro 24 ore al giorno per il bene di questo club e il mio unico pensiero è quello di vincere domani”.

 

Commenti

comments