Sonetti e un cuore diviso tra Samb e Cosenza: “Sarà battaglia”

Un allenatore che è riuscito a portare il Cosenza in Serie C1 nella stagione 1979/80, ma soprattutto che ha regalato la Serie B alla Samb nel campionato 80/81, prima di riuscire a mantenere la categoria anche per le due annate successive.

Parliamo di Nedo Sonetti, amato da tutti a San Benedetto e intervistato dal Corriere Adriatico in vista della doppia sfida a tinte rossoblù che si vivrà nei quarti di finale playoff. Ecco il suo pensiero:

“L’anno vissuto a Cosenza fu pieno di sofferenza, ma alla fine la gioia diventò incontenibile. Mi ricordo che dopo la promozione in C1 con tutta la squadra facemmo più di 30 km a piedi, andammo fino a Paola per celebrare una vittoria meravigliosa. Dalla Calabria portai a San Benedetto due giocatori come Bruno Ranieri e Walter Perrotta e con la Samb salimmo in Serie B al termine di una grandissima cavalcata.

Quale fu la promozione più difficile? Tutte e due bellissime e allo stesso tempo faticose, ma quella con la Samb provocò tanta tristezza per la morte delle due ragazze nel tragico rogo del Ballarin nel giorno della partita decisiva con il Matera.

Ora in questi playoff sarà battaglia tra Cosenza e la Samb, sono due ottime squadre e quello che farà la differenza saranno le energie mentali. Sicuramente vivremo un doppio confronto molto acceso, si affrontano due big assolute della Serie C”.

Commenti

comments