Da Roma alla Turchia, tanti gol e un’idea di calcio precisa: ecco chi é Giacomo Modica

Una carriera importante da calciatore, durante la quale ha vestito le maglie di piazze molto calde come Catania e Messina, fino all’esperienza in serie A con l’Ancona.

In tanti lo vedevano già allora come il classico “allenatore in campo”, ma una volta appese le scarpette al chiodo Giacomo Modica ha iniziato a sedersi in panchina seguendo ovunque il suo Maestro Zeman: prima nella doppia avventura a Roma (due volte sponda giallorossa e una biancoceleste), poi a Cagliari e infine anche al Fenerbahce in Turchia.

È stato per anni lui il tattico del boemo, che infatti quest’anno lo avrebbe voluto a Pescara: il presidente Sebastiani, però, non ha voluto investire su un secondo allenatore e Modica ha aspettato fedelmente invano fino a settembre.

Poi i mesi fantastici a Messina, dove ha incantato col suo gioco offensivo: squadra raccolta in 25 metri, pressing asfissiante e continua ricerca della verticalizzazione. A lui non piacciono i giocatori che portano troppo palla e lenti di pensiero, soprattutto non gli interessano i grandi nomi ma gente affamata pronta a lavorare duramente.

Modica ama valorizzare il materiale tecnico a disposizione e punta tanto sui giovani, pronti con lui a diventare grandi: domani ci sarà l’incontro con Andrea Fedeli ma il suo profilo sembra sposarsi perfettamente con le idee della società rossoblù…

Commenti

comments