Il saluto della Samb, gli anni nel Beach Soccer e tanto dolore: Giovanni era nato con il pallone come migliore amico

Il dolore per la prematura scomparsa di Giovanni Pompei è davvero forte a San Benedetto, nessuno dimenticherà una persona che ha combattuto fino alla fine con un terribile male senza perdere mai la speranza.

Sono tantissimi gli amici e tifosi rossoblù che stanno affidando ai social il loro personale e toccante saluto a Pompei, in attesa di affollare domani la chiesa di San Filippo Neri per i funerali (ore 16).

C’è chi gli ricorda la voglia di Samb, visto che parliamo di un ragazzo che nella stagione sportiva 2004/2005 era stato in grado di realizzare il suo sogno e segnare proprio sotto la Curva Nord con una punizione da vero numero dieci.

«Ciao Giovanni, ora puoi dribblare anche le nuvole», questo un altro commento postato sul suo profilo Facebook per non dimenticare la grande passione per il calcio, con cui Pompei era cresciuto sin da bambino.

Non è mancato, naturalmente, il commiato della stessa Samb (LEGGI QUI), che ha affidato al proprio sito internet l’ultimo saluto ad un guerriero con il rossoblù sempre nel cuore.

Pompei era stato anche capitano della Samb Beach Soccer, con la società di mister Di Lorenzo che è stata colpita dalla terribile notizia durante il viaggio di ritorno da Lignano Sabbiadoro: anche in questo caso il saluto sui social non è mancato, con Pompei che ha davvero lasciato il segno ovunque in questa città…

Commenti

comments