Moriero non dimentica la Samb: “Ho lasciato una città unica e tifosi rari”

Intervistato dal Corriere Adriatico, Francesco Moriero usa parole molto belle verso la piazza di San Benedetto, esprimendo anche un giudizio positivo sulla Samb versione 2018/2019:

“Dentro di me ho ancora il rammarico per come è finita la cavalcata playoff. Se fossimo riusciti a tenere il risultato positivo che stava maturando a Cosenza, poi al ritorno le cose sarebbero potute andare molto diversamente. Quando sono tornato, poi, non potevo più giocare con il sistema di gioco che preferivo, visto che non c’erano più gli esterni di inizio campionato. Ecco perché ho scelto il 3-5-2, la squadra a gennaio era stata ricostruita per giocare in quel modo. La Samb attuale? Secondo me è ancora più forte e ci sono anche nomi importanti come Russotto, Calderini e Signori: se la può giocare con tutti”.

Poi un caloroso saluto ai tifosi rossoblù:

“Ho lasciato una città unica e tifosi rari, da ben altre categorie…”.

Commenti

comments