Roselli su Magi e Fedeli: “Potrei chiamare il mister, il presidente è il presidente”

Durante la sua conferenza stampa di presentazione come nuovo allenatore rossoblù, Giorgio Roselli ha risposto anche alle domande sul suo predecessore Magi e sul presidente Fedeli.

“Innanzitutto voglio dire che per me è un onore essere stato scelto dalla Samb tra tanti allenatori che ora sono a spasso. Volete sapere se chiameró Magi? Lo stimo molto e lo considero uno dei migliori giovani allenatori in circolazione, se servirà chiamarlo per avere alcune informazioni sulla squadra lo farò sicuramente. Il presidente Fedeli? Il presidente è il presidente, non mi sentirete mai parlare di cose interne, il mio compito è quello di tenere sempre unito l’ambiente, perché altrimenti nel calcio non si va da nessuna parte.

Faccio fatica andare ad allenare in posti dove ci sono 300 persone in silenzio, quindi sono contento di essere in una piazza calda come quella di San Benedetto. Il mio obiettivo ora è trasformare questa arrabbiatura per la falsa partenza in qualcosa di positivo, in modo che i calciatori possano uscire dal campo tra gli applausi. Questo succede spesso quando si vince, ma con i tifosi veri come quelli che ci sono qui ci saranno applausi anche quando i ragazzi daranno tutto fino alla fine. Tutti sbagliamo, ma i tifosi non si arrabbiano per semplici errori, vogliono semplicemente vedere una squadra con anima e grinta”.

Commenti

comments