Il retroscena di mercato: la Samb aveva scelto Gudjohnsen, gigante ex Barça

Gudjhonsen

“Lukaku del Manchester e Cavani del Psg sono i modelli a cui mi ispiro”. Ecco le prime parole pronunciate da Sveinn Aron Gudjohnsen da nuovo giocatore del Ravenna. Attaccante classe ’98 e figlio d’arte da 190 cm, Gudjohnsen ha fatto tutta la trafila nelle rappresentative nazionali islandesi e ora è nell’under 21. Sottocontratto con lo Spezia fino al 2020 (8 gettoni al debutto in Serie B quest’anno), è arrivato a Ravenna con la formula del prestito fino a giugno. 

La curiosità sta nel fatto che era proprio lui il profilo “under” individuato dalla Samb per rinforzare l’attacco a gennaio, con il club rossoblù che ha definitivamente mollato la pista solo nelle ultime ore di mercato. In organico ci sono già Stanco, Calderini, Di Massimo, Russotto e De Paoli che Roselli utilizza come punte e la decisione è stata quella di restare così visto che non ci sono state partenze. 

Aron Gudjohnsen è figlio di Eidur Gudjohnsen, primatista di reti con la nazionale islandese (26) e protagonista negli anni 2000 con le maglie di Bolton, Chelsea e Barcellona. Sveinn Aron viene descritto dagli addetti ai lavori come un attaccante possente, dotato di un buon mancino e forte di testa. Dopo essere cresciuto nel vivaio del Barcellona (dal 2006 al 2011) e aver debuttato con profitto nella massima divisione islandese (5 reti in 22 gare disputate con la maglia del Breidablik), sta ora cercando di seguire le orme del padre ripartendo dall’Italia.

Commenti

comments