Il caos continua: Pro Piacenza escluso dal campionato e multato

FIGC

Game over per il Pro Piacenza: il Giudice Sportivo ne ha infatti sancito l’esclusione dal campionato di competenza. Inoltre in aggiunta è stata inflitta un’ammenda di 20.000 euro al club emiliano. Ecco il dispositivo:

“In merito alla gara Cuneo-Pro Piacenza il Giudice Sportivo, letti gli atti ufficiali OSSERVA

– che nella gara in oggetto, la società Pro Piacenza ha presentato all’arbitro una distinta di gara comprendente soltanto n. 8 calciatori;

– che la predetta distinta, all’esito di accertamenti d’ufficio, risulta annoverare solo n. 4 calciatori regolarmente tesserati (a nome Sarr Lamine Manuel, Isufi Calvin, Migliozzi Cristiano e Cirigliano Nicola) in quanto la richiesta di tesseramento di n. 2 calciatori (a nome Valente Gaetano e Del Giudice Gioele) risulta essere stata respinta dalla Lega di competenza per vizi afferenti le variazioni di tesseramento, la richiesta di tesseramento di n. 1 calciatore (a nome Di Bella Mirko) risulta anch’essa viziata ed annullata in data odierna, mentre l’ottavo calciatore (a nome Picciarelli Alessio) è stato dapprima inserito in distinta con qualifica di massaggiatore e, successivamente, come atleta allo scopo di iniziare comunque la gara con il numero minimo di 7 calciatori, così come previsto dalla Regola n.3 del Giuoco del calcio, essendo il calciatore Isufi Calvin privo di documento di identità al momento della chiamata dell’arbitro;

– che l’arbitro, non avendo l’obbligo di verificare il regolare tesseramento dei calciatori in distinta, ma di accertarne unicamente l’identità, prendendo atto delle dichiarazioni della società in ordine alla posizione di tesseramento degli atleti stessi, a norma di regolamento ha fatto disputare la gara, con i prevedibili esiti;

– che al di là delle consapevoli, plurime e fraudolente violazioni regolamentari messe in atto dalla società Pro Piacenza (che verranno di seguito individuate e sanzionate), preme sottolineare l’inaccettabile comportamento della medesima società la quale, mortificando l’essenza stessa della competizione sportiva, ha costretto sia i soggetti inseriti nella propria distinta che i calciatori della squadra avversaria a disputare una gara “farsesca” dal punto di vista tecnico (nonché pericolosa per l’incolumità fisica di soggetti non adeguatamente preparati dal punto di vista agonistico), abusando dei diritti formali certamente concessi dal regolamento, ma basati su principi di lealtà e correttezza che nella fattispecie sono stati sovvertiti, stravolti e letteralmente calpestati.

TUTTO CIO’ CONSIDERATO
DELIBERA

1) di comminare alla società Pro Piacenza, a norma dell’art. 17.5 del CGS, la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3;

2) di infliggere alla società Pro Piacenza a norma dell’art. 10.8 del CGS la sanzione, prevista dall’art.18 comma 1 lettera i) del medesimo, di
“ESCLUSIONE DAL CAMPIONATO DI COMPETENZA”;

3) di comminare alla società Pro Piacenza, a norma dell’art. 18 del C.G.S., l’ammenda di € 20.000,00 (ventimila).

Commenti

comments