Questione Corriere, la Samb fa chiarezza: “Provvedimento non definitivo”

Samb

La Samb fa chiarezza sulla questione Corriere Adriatico con le parole dell’addetto stampa Matteo Bianchini, responsabile della comunicazione rossoblù:

“Per prima cosa è sbagliato parlare di revoca, ma si tratta di sospensione. Al Corriere Adriatico non è stato impedito di entrare allo stadio o accedere alla sala stampa, abbiamo solo proposto un altro accredito per un altro giornalista e questo è stato rifiutato. Sugli organi di stampa si è parlato solo dell’ultimo articolo pubblicato, ma la decisione è maturata per diverse situazioni.

Siamo stati costretti a smentire dichiarazioni mai fatte messe in bocca a dirigenti e non ultimo c’è stato un problema di violazione delle regole, visto che sono stati contattati tesserati senza passare dall’ufficio stampa. Abbiamo accettato due violazioni da parte del collega in questione, con il quale abbiamo parlato.

Per la società questa è una mancanza di rispetto, innanzitutto nei confronti del mio lavoro. Il provvedimento non è definitivo, la Samb spera di poter chiarire questa situazione e di poter ristabilire l’ordine naturale delle cose nel rispetto dei ruoli e del lavoro di tutti”.

Commenti

comments