Il grido di Ghirelli: “Stadi e settori giovanili in Serie C, i ll Governo ci aiuti”

Ghirelli presidente Lega Pro

Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio soffermandosi sulla sostenibilità della formula a 60 squadre della Serie C e chiamando in causa il Governo:

“Nel giro di un anno dobbiamo verificare se c’è la sostenibilità per reggere le 60 squadre e non è semplice. Se dovessimo mancare questo progetto ne perderebbe tutto il calcio italiano e soprattutto quel reticolo che permette anche ai livelli superiori di reggersi grazie al lavoro che viene fatto nell’attività di base con tanti ragazzi e ragazze, a cui viene insegnato calcio anche recuperandoli da situazioni di disagio sociale. Noi dobbiamo fare il nostro, mettere le regole, garantire che tutto si svolga regolarmente, che gli atleti vengano pagati, che le proprietà siano in regola e lo stiamo facendo.

Ma serve che qualcuno ci risponda perché noi stiamo andando a cercare risorse anche in Europa, ma abbiamo bisogno di una defiscalizzazione da parte del Parlamento per permettere alle società di crescere nelle infrastrutture materiali e immateriali. Io sono contrario al taglio delle squadre perché si perderebbe la ricchezza del calcio dei comuni. Il semiprofessionismo potrebbe aiutare? O quello oppure serve la defiscalizzare come spiegato prima. Abbiamo un progetto in testa chiaro per investire e rendere più moderne le strutture. Abbiamo già fatto molto sistemando una quarantina di stadi, ma bisogna andare oltre e lavorare anche sulla crescita degli staff fin dalle giovanili per costruire il futuro del calcio italiano”.

Commenti

comments