La quarantena di Montero: “Sto impazzendo chiuso a casa, difficile tornare a giocare”

Montero

Intervistato in videochiamata dall’ufficio stampa della Samb, l’allenatore rossoblù Paolo Montero ha raccontato così i suoi giorni in quarantena:

“Il calcio in questi momenti passa in secondo piano, ma non posso non ammettere che sto impazzendo chiuso in appartamento. Per fortuna un mese e mezzo fa è arrivata la mia famiglia e sono con loro. Sono molto dispiaciuto per tutto quello che sta accadendo, a Bergamo per esempio mi hanno accolto come un figlio (Atalanta sua prima squadra italiana ndr) e vedere certe immagini mi ha fatto male.

Sinceramente faccio fatica a pensare al calcio in questo momento. È logico che ci siano tanti interessi, soprattutto economici, ma stiamo vivendo un periodo incredibile. Il fatto che l’Italia abbia superato la Cina sul numero dei morti ci fa capire quanto è grave la situazione. Mi sembra difficile che si possa riprendere a giocare a inizio maggio, anche perché è da tempo che sento dire che il picco deve ancora arrivare”.

Commenti

comments