Il Gubbio si sveglia tardi, la Samb vince e passa il turno

La Samb sfida il Gubbio allo stadio Barbetti con un solo obiettivo: vincere e accedere al secondo turno playoff per sfidare il Lecce nel doppio confronto.

Sanderra ritrova Radi in difesa, mentre per il resto conferma la stessa formazione che ha battuto il Pordenone domenica scorsa.

Al 4′ la prima grande chance della partita è per il Gubbio, ma Giacomarro non riesce a trovare la porta da due passi su perfetto assist di Casiraghi.

Sventato il pericolo, la Samb punisce. Al 7′ Mancuso si invola in contropiede e serve un pallone perfetto in area di rigore: da dietro arriva Agodirin che non sbaglia e fa esplodere il settore ospiti: 1-0 per i rossoblù.

Al 13′ annullato un gol a Ferretti per fuorigioco, con il Gubbio che prova a reagire in maniera feroce al vantaggio della Samb schiacciando i rossoblù nella propria metà campo.

Gli uomini di Sanderra, però, in contropiede sono devastanti e al 20′ Mancuso viene steso da Volpe in area di rigore: l’arbitro non ha dubbi e indica il dischetto. Mancuso non sbaglia e la Samb raddoppia con il gol numero 23 del suo bomber.

Al 24′ altro gol annullato al Gubbio per fuorigioco di Piccinni, con l’assistente che alza la bandierina e gela l’esultanza dei giocatori umbri.

Nell’occasione si fa male Ariditá, che dopo qualche minuto deve alzare bandiera bianca e al 29′ lascia il posto a Pegorin.

Il match, comunque, continua ad essere scoppiettante: al 33′ è Sorrentino a sfiorare il 3-0, mentre al 34′ ci pensa Rapisarda a deviare in angolo un tiro a colpo sicuro di Giacomarro.

Nella ripresa i primi minuti scorrono senza molte emozioni, poi al 60′ ancora Giacomarro va vicino alla rete dell’1-2.

La Samb gioca bene e in più occasioni sfiora il 3-0: Volpe salva su Mancuso al 62′ e Agodirin colpisce la traversa al 64′.

Al 73′ succede qualcosa di incredibile. Lunetta entra in area e serve Candellone, che tutto solo a porta sguarnita mette clamorosamente alto.

Dal gol che poteva riaprire il match a quello che lo chiude definitivamente. Ci pensa Mancuso al 75′ a battere Volpe per la terza volta.

All’86’ il Gubbio trova il gol con Casiraghi e al 91′ Rinaldi accorcia le distanze, ma è troppo tardi: al Barbetti vince la Samb e il doppio confronto con il Lecce è ora realtà.

 

GUBBIO (3-5-2) Volpe; Marini, Burzigotto (77′ Rinaldi), Piccinni; Kalombo (50′ Candellone), Romano, Conti (67′ Lunetta), Burzigotti, Giacomarro, Zanchi; Casiraghi, Ferretti A disp. Zandrini, Stefanelli, Petti, Croce, Ferri Marini, Monti, Marghi, Bergamini, Otin Lafuente. All. Magi

SAMBENEDETTESE (4-3-3) Aridità (29′ Pegorin); Rapisarda, Radi, Di Pasquale, Grillo (16′ Ntow); Vallocchia, Bacinovic, Lulli; Mancuso, Sorrentino, Agodirin (77′ Sabatino) A disp.Di Filippo, Bernardo, Pezzotti, Di Massimo, Candellori, Ferrara, Mattia, Mori, Morelli. All. Sanderra

Marcatori: 6′ Agodirin,  20′ rig. e 75′ Mancuso (S), 86′ Casiraghi e 91′ Rinaldi (G)

Ammoniti: Casiraghi e Piccinni (G), Lulli e Di Pasquale (S)

 

 

 

 

Commenti

comments