Manoni rompe il silenzio: “Renzi non lo sento da settimane, situazione Samb difficilissima”

Manoni

Manolo Manoni torna a parlare e interrompe almeno per il momento il silenzio stampa della Samb. Queste le parole post match dell’allenatore rossoblù:

“Dobbiamo dare tutti il massimo per raggiungere l’obiettivo finale nonostante la drammaticità di questa stagione. Le aspettative iniziali erano altre e le vicissitudini hanno portato ad un allontanamento dei tifosi da questa squadra. Per quanto riguarda la partita, abbiamo sofferto perché avevamo parecchie assenze e qualcuno ha giocato anche non essendo al meglio della condizione. Nessuno si è risparmiato, Angiulli è uscito per un problema alla caviglia mentre Alboni non poteva entrare dopo l’infortunio di domenica scorsa. Espulsione di Cardella? Gli errori si fanno, ma è un ragazzo che fino ieri stava in piedi per miracolo e ha voluto dare il suo contributo. Torromino e Lulli? Inutile girarci intorno, sappiamo tutti molto bene quali sono stati i fatti. Chinellato? Non l’ho mai visto pronto”.

Chiusura con un commento sul presidente Renzi, che ha lasciato lo stadio senza rilasciare dichiarazioni:

“Non lo sento dalla partita con il Roma City, quando sono in campo non osservo chi c’è in tribuna. Per quanto riguarda lo sciopero, posso dire che nei Dilettanti non esiste. Le società hanno possibilità di pagare fino al 30 giugno e quindi qualsiasi tipo di minaccia non porta a nulla, i giocatori sono stati mal consigliati”.

Commenti

comments