ESCLUSIVA – Alfonsi: “Un sogno allenare la Samb del Centenario”

Alfonsi

Sole, mare e Samb. Per Sante Alfonsi non cambia mai nulla, questa è stata la sua estate fin da bambino. Prima tifoso, ora ad un passo dal diventare l’allenatore del Centenario rossoblù.

Noi lo abbiamo contattato telefonicamente per entrare un po’ nel mondo dei suoi pensieri, ma soprattutto di un cuore che batte da sempre per gli stessi colori:

Mister innanzitutto come sta? In bocca al lupo per la nuova stagione.

“Ciao ragazzi, tutto bene voi? Grazie, ma ancora non si può dire che sia ufficiale (ride ndr). Ci sono alcuni piccoli dettagli da chiarire per organizzare al meglio la nuova stagione, ma abbiamo già parlato di tante cose e sono sicuro che non ci saranno problemi. Si è creato subito feeling col direttore Cozzella, oltre al rapporto tra me e il presidente dopo la bella esperienza dello scorso campionato”.

La composizione dello staff tecnico? Visi sarà comunque al suo fianco:

“Ecco questo è uno dei punti di cui parlavo che bisogna affrontare nel dettaglio, visto che tra poche settimane partirà il ritiro (probabilmente lunedì 25 luglio ndr). L’appoggio di Visi lo avrò sempre a prescindere dal ruolo, anche se allena i portieri staremo insieme al campo quindi non mi scappa mica (ride ancora ndr). Il resto, ripeto, lo dobbiamo affrontare insieme come abbiamo sempre fatto tutto”.

Lulli e Conson sembrano essere 2 da cui ripartirà la nuova Samb, ma a prescindere dai nomi quanto è importante avere una base solida in Serie D?

“È fondamentale e ne abbiamo parlato, serve uno zoccolo duro già in clima Samb e dei ritocchi di qualità tra under e over. Cozzella è molto preparato, sono sicuro farà ottime cose”.

Mister però ci dica una cosa, da sambenedettesi non possiamo non chiederlo. Che significherebbe allenare la Samb del Centenario? 

“Beh sembra la solita frase fatta, ma sono sicuro che potete capirmi bene visto che condividiamo l’amore per questi colori. Allenare la Samb credo sia il sogno di ogni bambino sambenedettese, poi nell’anno del Centenario sarebbe magia pura. Però attenzione rappresenta anche una grande responsabilità oltre ad uno stimolo enorme, non pensate?”.

Certo mister, a casa propria tutto pesa il doppio. Come si fa a nasconderlo? 

“Esatto. Questo intendevo quando in un’altra intervista dicevo di avere tanto da perdere, soprattutto dopo i risultati ottenuti nella scorsa stagione. Alla Samb si deve sempre vincere e da sambenedettese la pressione è doppia, ma io sono pronto…”.

Grazie e forza mister, ci sentiamo presto e un grande abbraccio.

“Grazie a voi e complimenti per essere sempre obiettivi nel bene e nel male su quello che succede intorno alla Samb, da sambenedettesi ci capiamo (sorriso finale ndr). Un grande abbraccio e speriamo di vederci presto al Riviera, come sempre!”.

 

 

 

Commenti

comments