De Feis analizza il caso Sbaffo: “Il mercato è così, vincolo Recanatese inesistente”

De Feis

L’ex calciatore rossoblù Guglielmo De Feis, ora insegnante presso il centro tecnico di Coverciano, analizza così il caso Sbaffo con una personale riflessione affidata ai suoi profili social:

Il funzionamento del mercato calcistico, più o meno, è questo: su 100 tra idee, proposte e chiacchiere, 1 sola diventa effettivamente una trattativa di mercato. Su 100 trattative, 10 arrivano ad un accordo. Su 10 accordi 5 diventano una proposta di contratto da firmare. Su 10 contratti da firmare, 5 saltano all’ultimo per il ripensamento della società acquirente, o della società cedente oppure del calciatore. In questo specifico caso Sbaffo/Recanatese/Sambenedettese, le due società, hanno entrambe cercato (prima la Sambenedettese con l’ufficializzazione prematura e poi la Recanatese con la pretestuosa rivendicazione di un vincolo inesistente) di forzare la mano, in modo da poter definire la realtà prima ancora che la realtà potesse davvero realizzarsi: ovvero solo dal primo luglio in avanti, l’unico momento nel quale possono essere firmati documenti validi. Inutile cercare colpevoli e peccatori: non ci sono né colpe né peccati e – se vogliamo – nemmeno errori. In realtà, però, io una colpa gravissima la ravviso in una specifica condotta della Sambenedettese: la fascia di capitano non si negozia letteralmente MAI. Chiunque pensi di poterla ottenere in sede di trattativa, non solo non è un buon capitano: non è nemmeno un bravo soldato che difenderà la causa, ma solo un onesto, per quanto bravissimo, mercenario”.

Si attendono aggiornamenti nei prossimi giorni, per una vicenda che potrebbe essere chiusa solo all’apparenza.

 

Commenti

comments